Il rogo freddo

(c) elisfanclub. Under Creative Commons Licence

I fatti sono ormai tristemente noti: il 15 gennaio scorso siamo venuti a sapere dai quotidiani che l’Assessore alla Cultura della Provincia di Venezia, Raffaele Speranzon, ha intenzione di chiedere alle Biblioteche veneziane di eliminare dal proprio archivio i testi delle scrittrici e degli scrittori firmatari, nel 2004, di una petizione sulla vicenda di Cesare Battisti. Pochi giorni dopo, l’Assessore Regionale all’Istruzione, Elena Donazzan, si è schierata col collega, rivendicando la possibilità di fornire un “indirizzo politico” alle scuole – invitando gli insegnanti, nel caso specifico, a non far leggere ai propri alunni i romanzi e i saggi delle autrici e degli autori incriminati.

Molte sono state le reazioni, tanto da parte dei diretti interessati, quanto da parte di altri scrittori che, anche quando in disaccordo rispetto alla petizione del 2004, hanno percepito la pericolosità della proposta di Speranzon e Donazzan. A loro si sono unite, in modo trasversale, personalità della cultura, della politica e dell’economia. Soprattutto, forte è stata l’immediata presa di posizione dell’Associazione Italiana Biblioteche, di tanti insegnanti e dei lettori che, con i loro interventi sui blog letterari, hanno espresso la propria contrarietà ad ogni forma di censura o “indirizzo politico”.

Il gruppo [U] e l’associazione Palomar vogliono unirsi alla grande moltitudine di singoli e istituzioni che hanno deciso di esprimere la propria radicale contrarietà alle proposte dei due Assessori. Lo facciamo in quanto promotori di progetti che hanno visto protagonisti tanti degli scrittori e delle scrittrici chiamati in causa in questa vicenda, ma soprattutto perché percepiamo ogni forma di censura come un pericolo per tutti – anche per chi avanza le sciagurate proposte contro cui ci schieriamo. Non ci interessa minimamente, in questo contesto, il contenuto della petizione del 2004. Non è esso la posta in palio.

Ci esprimiamo pubblicamente perché il problema riguarda la cultura come insieme di relazioni sociali e sapere critico: essa viene continuamente svilita, ridotta a divertissement, relegata all’ambito del superfluo, dell’effimero – di qui la spettacolarizzazione, cui spesso assistiamo, di qualunque progetto che abbia delle radici profonde, che esprima un bisogno che è primario quanto altri bisogni, che lasci qualcosa nella vita delle persone. Una cultura che sopravvive come nicchia in realtà sta già morendo, perché ogni attacco ad essa può essere fatto senza che la maggioranza dei cittadini, qualunque sia la loro formazione e indipendentemente dall’orientamento politico, percepisca quell’attacco come un problema. Ecco allora che i festival letterari (e di altro tipo) possono acquisire una valenza civile. In caso contrario, rischiano di favorire quell’attacco.

Se la cultura non è vista come bisogno primario e anche come elemento strategico dello sviluppo di un paese (dal punto di vista sociale, umano, economico), cosa ci rimane?

Annunci

2 risposte a “Il rogo freddo

  1. Poche ore dopo la pubblicazione di questo post, l’Assessore Donazzan, rispetto all’intenzione, da lei espressa giorni fa, di fornire un “indirizzo politico” alla scuole, ha dichiarato: “Non è più necessaria alcuna lettera, perché l’obiettivo e’ stato raggiunto: stigmatizzare le firme a favore di Cesare Battisti”.

    Mi sembra che, con questa dichiarazione, l’Assessore provi a sviare l’attenzione dei cittadini da quella che invece è al momento una sconfitta sua e di Speranzon. Chi, come il gruppo [U] e Palomar – ultimi di una lunga serie di persone e associazioni – è intervenuto, lo ha fatto specificando come il punto della vicenda e delle loro reazioni fosse indipendente dal fatto del 2004 cui Donazzan si riferisce. Nessuno è intervenuto per stigmatizzare o approvare la scelta di chi appose la propria firma in calce a quell’appello. Non si è parlato delle decisioni personali di quelle persone, di quegli scrittori e quelle scrittrici. In tanti, si sono espressi invece a favore della possibilità di leggere le loro opere e contro ogni forma di censura, soprattutto nelle Biblioteche e nelle scuole pubbliche.

    Per un primo, breve resoconto delle nuove dichiarazioni dell’Assessore: http://notizie.bassanonet.it/attualita/7805.html

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...