ULAB_Start

Forse siete capitati qui perchè avete letto un volantino. Forse perchè vi è arrivata una mail. Forse da un link su facebook o twitter. Sicuramente non per caso. Benvenuti!

ULAB è un’occasione per ragionare sulla presenza e il ruolo delle donne nella società italiana, oggi. Nasce dal bisogno di concentrare e far sedimentare, per tre giorni (più un’anteprima) e in uno stesso luogo, le riflessioni, le letture, i pensieri e le visioni più o meno nitide che il gruppo [U] sta condividendo da un anno a questa parte. Per farlo, abbiamo cercato e coinvolto amici, conoscenti, persone che stimiamo.

C’è bisogno di non dare più niente per scontato: le parole che hanno costruito e raccontato l’emancipazione femminile sembrano non fare più attrito con la realtà, per cui alcune delle trasformazioni che più hanno segnato la storia recente del nostro Paese stanno diventando vuoti simulacri, pronti per essere demoliti. Se i diritti formali non diventano senso comune, pratiche condivise, spazio di azione politica, muoiono con le persone che li hanno conquistati – se non addirittura prima di loro.

Non crediamo ci si debba battere per un’idea astratta di libertà, ma pensiamo piuttosto che sia in gioco la qualità della nostra libertà, delle donne come degli uomini. La stessa espressione “questione di genere” può risultare ambigua, perché rimanda immediatamente ad un immaginario che va messo al vaglio delle esperienze e delle problematiche che vivono le ragazze e i ragazzi italiani oggi.

La “questione di genere” è una questione sui generis e ha una valenza paradigmatica, perché fa riferimento a problemi che riguardano la vita pubblica e privata delle donne, ma al tempo stesso sembra dirci qualcosa sul modo in cui sono strutturati i rapporti di potere della società italiana in quanto tale: abbiamo il sospetto che una corretta comprensione e la possibile risoluzione di tali problemi debbano passare per una lettura e un cambiamento della società italiana nel suo complesso.

ULAB nasce per mettere alla prova questa ipotesi, cercando di essere all’altezza della sua complessità: in questo senso, è fondamentale la molteplicità di registri e linguaggi: dal seminario al laboratorio teatrale, dall’installazione artistica alla tecnica dello psicodramma, dai video all’analisi della letteratura per l’infanzia classica e contemporanea.

Un movimento articolato, che si assume il rischio della dispersione, ma col preciso intento di comprendere i problemi delle donne come problemi di tutti. E iniziare a immaginare delle alternative.

Annunci

4 risposte a “ULAB_Start

  1. che belli che siete!! bravi, bravi, bis!!

  2. Che bel programma, è tutto da non perdere, complimenti !!!
    …si apre però ora il problema tipico dei giorni lavorativi: come conciliare con gli impegni familiari? vedremo cosa riesco a fare.

  3. Complimenti ancora per le proposte di ieri! Il laboratorio di teatro terapia è stato davvero… LIBERATORIOO! Grazie a Betty e agli organizzatori! e grazie perchè ci date modo di parlare dei problemi di genere senza preconcetti. grazie grazie grazie 🙂 sono contenta di avervi conosciuti!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...